Ho scelto d’iniziare questa nuova avventura trattando un argomento un po’ scontato. Perché affidarsi a un’assistente virtuale. No, nessun panico da foglio bianco mi ha fatto ricadere su questo tema.

Voglio semplicemente presentarmi prima di passare all’azione.

È un po’ di tempo che strutturo questa nuova attività e sorge dalle ceneri di quella come web writer. Ho segnato le idee, strutturato un piano editoriale e realizzato la grafica del sito. L’ho fatto con tutta calma in circa quattro mesi proprio per partire con il piede giusto. Negli ultimi anni ho imparato a più riprese la lezione che la fretta non è una buona consigliera. Nel mio caso, provoca sempre disastri.

Sai qual è stata la cosa più difficile però? Scegliere i servizi. Perché sono tante le cose che mi piace fare e mi riescono tutto sommato bene. All’inizio avevo scelto qualcosa come 13 servizi. Poi mi sono guardata allo specchio e mi son chiesta: è davvero necessario?

La risposta è no. Così ho scelto e l’ho fatto selezionando solo i servizi dove posso dare il meglio di me e sono certa di poter aiutare te e tutte le altre clienti. E qui di nuovo la domanda: perché scegliere un’assistente virtuale?

Cosa spinge una persona a pagare una collaboratrice? Ho identificato alcune esigenze:

  • Delegare le cose che non si ha voglia di fare
  • Delegare le cose in cui si è meno brave
  • Delegare per liberare il proprio tempo da ciò che non è strettamente legato alla propria attività.

Quali sono quindi i servizi che posso offrire per soddisfare tutte e tre le esigenze?

Di cosa si occupa un’assistente virtuale

Un’assistente virtuale può occuparsi di tantissime cose. Ogni professionista in realtà si specializza in qualcosa. Perciò quando cerchi un aiuto per mandare avanti il tuo business devi chiederti prima cosa intendi delegare e dopo individui la persona giusta.

Io mi occupo di gestire il tuo blog su WordPress. Sono anni che uso questa piattaforma e la conosco bene. Inserisco per te gli articoli, creo gallery, sistemo l’home page e posso strutturare la tua landing page partendo da Elementor Pro o da altri tra i tools più conosciuti.

Ho scelto di restare fedele alla professione che ho svolto per sei anni, quella di web writer freelance. Perciò continuo a scrivere articoli per le mie clienti, faccio i calendari editoriali e l’editing dei post blog.

Esistono però tantissime assistenti virtuali specializzate in servizi molto distanti dai miei. C’è chi per esempio gestisce le fatture, chi risponde alle telefonate, chi programma i viaggi e le cene di lavoro ai clienti. Alcune AV invece hanno puntato sulla grafica, sulla contabilità, la gestione dei profili Social etc.

Sono gli unici parametri da valutare?

No, non sono gli unici. Sicuramente c’è il prezzo chiesto dalla Virtual Assistent a influire molto sulla decisione del cliente se contattarla oppure no. Escludendo i prezzi completamente fuori mercato (sia che puntano verso il basso che verso l’alto), ogni professionista da il valore al proprio tempo in base a tantissimi fattori.

Un cliente però allo stesso modo deve valutare quanto può permettersi di spendere ed ecco che sceglie l’AV anche in base a questo fattore. Fai attenzione però, ho detto ANCHE. Quando l’unico criterio di scelta diventa questo beh… ti consiglio di riconsiderare un attimo il valore che dai al lavoro degli altri.

Per me esiste un altro criterio importantissimo ed è la disponibilità. Alcune AV lavorano solo la mattina, altre full time, alcune la notte (così da soddisfare una piccola ma molto proficua fetta di mercato).

Sembra una cavolata ma non lo è perché sono tantissime le professioniste che vogliono un’assistente virtuale disponibile negli orari in cui lavorano loro, così da essere certe di poter ricevere il supporto di cui hanno bisogno in poco tempo.

Spesso però questo dettaglio non è specificato nelle pagine dei servizi, però puoi contattare l’assistente virtuale che ti piace e chiederglielo.

Poi si, ci sono tanti altri aspetti che ti portano a scegliere un’AV tra mille mila. Come l’empatia, la simpatia che nasce dopo la prima chiacchierata su Skype e il passaparola.