L'anima del blog non è la vision o la mission. È qualcosa che si percepisce nei dettagli e rende il tuo brand unico.

I pilastri del tuo brand sono due. Uno è la mission e l’altro è la vision. Due termini che non ti sono nuovi se hai la tua impresa. Poi c’è l’anima del brand.

La mission è il motore che ti spinge a fare esattamente quello che fai. La vision è il carburante, quella visione del futuro che ti dà l’energia necessaria per non mollare (e non ha a che fare con gli obiettivi economici).

L’anima del brand è un po’ come l’ossigeno. È ovunque e non si vede. Un mix tra personalità e credenze personali che ti rendono unica, quelle cose che ti appartengono e senza le quali ti sentiresti vuota.

Cosa c’entra tutto questo con il tuo brand? C’entra e come. Fino a quando lasci queste tue caratteristiche fuori dal tuo business ti omologhi agli altri. Mantieni uno stile comunicativo piatto e senza stile. Ragioni basandoti solo sui numeri, sulle esperienze degli altri e vai avanti per imitazione.

Ti dimentichi che il tuo è un piccolo business ed in quanto tale è centrato su di te, le clienti che ti scelgono non lo fanno perché sei un personaggio famoso ma per il semplice fatto che si rispecchiano nella tua persona, nel tuo modo di pensare. Vedono in te un aiuto esterno positivo non solo a livello tecnico ma a livello energetico.

Tante professioniste pensano che certe cose possono (o devono) stare fuori dal business perché non vi è un nesso logico. Non c’è motivo di esprimere i propri interessi alle clienti se di fatto questi non vengono poi usati a livello professionale.

In realtà puoi accorgerti facilmente che sia nei rapporti personali che lavorativi sei attratta da chi in qualche modo t’ispira e probabilmente è con loro che stringerai rapporti veri, collaborazioni durature.

Una pittrice, una musicista o una coach magari iniziando a leggere questo articolo ha subito riconosciuto l’anima del brand perché è presente dalle prime battute e fa parte del proprio lavoro.

Un po’ diverso può essere per chi fa l’Assistente Virtuale, chi ha una casa editrice o vende magliette online. Non si tratta però d’impostare il tuo lavoro in relazione a questa quinta essenza ma piuttosto farla trapelare dai particolari.

Dal modo in cui rispondi alle email, dalle immagini che scegli, i colori, il tuo modo di scrivere e di raccontarti. Puoi offrire un punto di vista diverso e tutto tuo mettendo in contatto due mondi apparentemente diversi ma che rendono il tuo business unico.